Articolo disponibile anche in: Inglese

Due prestigiose dimore storiche del Chianti, come Villa Mangiacane e Castello Il Palagio, allungano la lista delle location da favola dove pronunciare il fatidico sì.

Si intensifica il progetto di valorizzazione e promozione promosso dai Comuni del Chianti che scommettono sul turismo matrimoniale legata alla celebrazione dei riti civili.

Anche San Casciano rilancia l’opportunità di vivere il giorno più bello tra le colline del Chianti all’interno di strutture di elevato pregio storico, culturale e ambientale.

Oltre agli spazi comunali, tra cui la sala del Consiglio, la biblioteca e il Teatro Niccolini, la giunta Pescini attiva uffici di stato civile decentrati nelle strutture Villa Mangiacane e Il Palagio.

La prima, posseduta dai Machiavelli, è stata progettata, secondo alcune fonti da Michelangelo Buonarroti, il secondo, situato nella zona di Campoli, tra Mercatale e Greve, ha svolto un ruolo strategico nella difesa del territorio rimanendo saldo anche durante la spedizione dell’Imperatore Arrigo VII.

“Le dimore d’epoca, i castelli medievali, i borghi e gli edifici storici – commenta l’assessore al turismo Roberto Ciappi – che raccontano la storia e l’identità del Chianti sono un’opportunità unica per le numerosissime coppie italiane e straniere che scelgono il Chianti come location ideale per il loro matrimonio”.

L’adesione al progetto è avvenuta a seguito della pubblicazione dell’avviso pubblico per la manifestazione di interesse finalizzato a richiamare l’attenzione delle realtà idonee ad ospitare riti civili presenti sul territorio.

La creazione degli uffici di stato civile è funzionale alla celebrazione di matrimoni civili all’interno di strutture ricettive o di somministrazione, anche temporanea, di particolare pregio storico, architettonico, ambientale o artistico presenti sul territorio comunale.

Info e dettagli: [email protected].

Leggi altri articoli...