Articolo disponibile anche in: Inglese

La Macelleria Parti a San Donato in Poggio (Barberino Tavarnelle) è un perfetto connubio tra tradizione e modernità.

Fondata nel 1970 da Danilo e Luciana, è attualmente gestita, con altrettanta passione, dal loro figlio Emiliano. Che può contare su collaboratori esperti: il cugino Filippo, Elia e Stefano.

L’impegno quotidiano di Emiliano e del suo team è stare al passo con i tempi, per accontentare il più possibile i clienti. Grazie ad un’offerta variegata e ad una competenza straordinaria, che permette allo staff di rispondere ad ogni curiosità dei clienti e diconsigliare il prodotto più adeguato.

Al contempo la Macelleria Parti porta avanti un aspetto fondamentale del suo modus operandi, in quanto dedica un’estrema attenzione alla scelta delle carni: solo le migliori. Per assicurare prodotti sempre eccellenti.

“All’incirca negli ultimi quindici anni – a parlare è Emiliano – il lavoro e l’impostazione delle macellerie sono dovuti cambiare per far fronte alle nuove esigenze delle persone, che rispetto a prima hanno meno tempo per cucinare”.

“Fino alla fine degli anni Ottanta le macellerie erano improntate sulla vendita a taglio – spiega – mentre oggi si sono aperte a preparati, pronti a cuocere e cotti e, nel nostro caso, anche alla lavorazione artigianale dei salumi”.

“Anche la nostra macelleria si è evoluta – racconta – Ma per certi aspetti è rimasta nella tradizione: acquistiamo ancora i vitelli nelle stalle dal nostro allevatore di fiducia, che da anni ci garantisce carne genuina e certificata, priva di antibiotici e cortisonici”.

“La qualità della nostra carne è data dalla razza pregiata, dall’alimentazione e dal benessere dell’animale – prosegue – Con queste carni realizziamo una vasta gamma di pronti a cuocere e cotti, oltre alla vendita tradizionale del banco a taglio. I prodotti sono sempre freschi, perché la macellazione viene fatta settimanalmente”.

“Il cliente può richiedere la tracciabilità delle carni rosse – ci tiene a sottolineare – dalla quale può verificare l’alimentazione e la provenienza semplicemente tramite uno scontrino della bilancia”.

“Anche per i suini abbiamo un allevatore di fiducia – dice – che li alleva con un’alimentazione equilibrata fino al momento della macellazione, a circa un anno di età. L’alimentazione del maiale incide in maniera importante sulla qualità del prodotto finale”.

“Per i polli ci serviamo da un terzo allevatore – aggiunge – Vengono allevati senza uso di antibiotici e la loro crescita è regolamentata e riconosciuta dal ministero delle politiche agricole e forestali”.

“Ogni giorno – conclude Emiliano – cerchiamo di trasmettere questo sistema, basato sulla conoscenza e sul rapporto diretto con i tre produttori, alla nostra clientela. Che lo apprezza. E ciò ci gratifica molto”.

Noemi Bartalesi

Leggi altri articoli...