Articolo disponibile anche in: Inglese

Ci sono tanti modi per raccontare un paesaggio e svelare i segreti di un territorio e della sua gente, a seconda delle proprie conoscenze, sensibilità e capacità.

Sara Testi ha deciso di scegliere la via professionale, integrando gli studi universitari di indirizzo antropologico-geografico e le qualifiche di guida ambientale escursionistica e di guida turistica con una forte passione per la memoria locale e le affinità per il turismo dolce, rispettoso dei luoghi che attraversa e delle persone che incontra.

E’ impresso in questo felice incontro tra formazione e inclinazioni il segno particolare dell’attività di Sara, cicerone chiantigiana capace di spaziare dagli aspetti legati al patrimonio paesaggistico, ambientale, storico e architettonico, ai racconti di leggende, episodi e aneddoti di vita e delle tradizioni locali.

Impossibile per lei, nata e vissuta a Quercegrossa, oggi residente a Vagliagli, non avvertire il richiamo della cultura mezzadrile e l’orgoglio per le origini contadine dei nonni, fonti primarie di testimonianza storica.

La memoria condivisa con loro in lunghe chiacchierate a passeggio per poderi ormai abbandonati costituisce, oggi, il valore aggiunto del suo lavoro, che le permette di leggere il paesaggio con più accuratezza e di trasmettere le storie di un passato che sembra lontano, ma che costituisce ancora l’anima del Chianti.

Dopo l’esperienza internazionale ad Aix-en-Provénce legata agli studi universitari, Sara matura la decisione di impegnarsi nella formazione professionale per guida ambientale, nel 2003, anche in relazione a una circostanza casuale: la disponibilità dell’ultimo posto libero per il corso promosso dalla Provincia.

Da quel momento in poi, si farà sempre più consapevole di aver trovato ciò che stava cercando: un lavoro che le consentisse di stare in contatto con la natura, di camminare, viaggiare, relazionarsi e scambiare opinioni con persone sempre diverse, spesso provenienti da Paesi stranieri.

Oggi affronta la sfida di gestire gruppi di diverse età, provenienza culturale ed esigenze con il suo capitale di competenze e conoscenze, flessibilità, pazienza e “parecchio garbo”, come – lei stessa suggerisce – le avrebbe consigliato la nonna.

Grazie alla conoscenza del francese e dell’inglese e ai contatti con agenzie di viaggio e utenza individuale gestiti attraverso il sito www.saratestiguide.com, Trip Advisor e il profilo Facebook, nei periodi di alta stagione turistica Sara intercetta la domanda degli ospiti del territorio chiantigiano e non solo, proponendo un trekking misurato sui livelli di preparazione dei camminatori, dei loro interessi specifici, della logistica e delle tempistiche di spostamento e della sicurezza dei percorsi.

Di inverno, mette a disposizione le proprie competenze in educazione ambientale per le scuole della provincia di Siena.

Nell’era del boom della disoccupazione giovanile e della fuga all’estero delle intelligenze, il messaggio dell’esperienza di Sara è in controtendenza e di buon auspicio.

E’ lei stessa a riconoscere che non è tutto rose e fiori; con altrettanta franchezza, però, afferma di sentirsi privilegiata per il suo lavoro che, tra i tanti benefici, le dà la possibilità di camminare, spesso in compagnia, senza l’illusione di essere arrivata e doversi fermare.

Cosimo Ciampoli

Leggi altri articoli...